Festa 70 anni Misericordia Rufina - Convegno, esercitazioni e premiazione fratelli
18569
post-template-default,single,single-post,postid-18569,single-format-standard,et_monarch,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

04 Giu Festaggiamenti Misericordia Rufina, 70 anni al servizio della comunità

Lo scorso fine settimana ho avuto il piacere di essere stato scelto dalla Misericordia della Rufina per raccontare attraverso le mie immagini la loro festa.

La Misericordia di Rufina è attiva sul territorio dal ben 70 anni, difatti era il 1947 quando la confraternita è nata.

Da allora il tipo dei servizi resi alla popolazione è diventato sempre più ampio ed abbracciando molti aspetti della vita sociale.

Ma è andato aumentando anche il numero dei servizi e sono crescite le competenze chieste a noi volontari.

Sono anche io un volontario anche se non della Misericordia di Rufina, e conosco da vicino gli argomenti della conferenta tenuta il venerdì, come anche le dinamiche delle esercitazioni svolte il sabato.

La Misericorida è arrivata al traguardo dei 70 anni di storia non senza difficoltà, ma….ci è arrivata grazie all’impegno di tutti e l’extra di tanti.

I tanti ed i tutti partono dalla popolazione, ma anche da persone ed istituzioni pubbliche/private che hanno fatto e fanno donazioni.

La struttura per i festeggiamenti è stata Villa Poggio Reale.

Si tratta di un edificio del XVI secolo edificato dalla famiglia fiorentina Mormorai, che è stata acquistato nel 1988 dal Comune di Rufina.

L’edificio è composto da varie strutture e livelli, di cui fa parte anche il Museo del Vino, mentre al piano terreno vi sono delle sale che possono essere adibite per matrimoni civili o ricevimenti (data la presenza della cucina).

La Villa è contornata da un grande parco pubblico con giochi per bambini.

La prima serata dei festeggiamenti.

Convegno “Emergenza socio-sanitaria, il ruolo del volontariato”

Durante la prima sera si è svolto un convegno dal titolo “Emergenza socio-sanitaria, il ruolo del volontariato”.

Fra i relatori erano presenti:

  • Stefano Grifoni – direttore di Medicina e chirurgia d’urgenza presso l’ospedale di Careggi
  • Eugenio Giani – Presidente del Consiglio Regionale della Toscana
  • Alberto Corsinovi – Presidente della Federazione regionale delle Misericordie della Toscana
  • Andrea Ceccherini – Presidente del Coordinamento delle Misericordie Fiorentine

Il convengo ha avuto come moderatore il direttore de La Nazione Firenze, Francesco de Robertis.

L’apertura dei lavori è stata effettuata da Fabio Bresci, vice Governatore della Misericordia di Rufina.

Successivamente la serata è trascorsa toccando vari argomenti fra cui anche l’assistenza post ospedaliera ed i problemi assistenziali per la comunità.

Hanno chiuso la serata il Governatore della Misericordia, Marcella Fontani, ed il sindaco della Rufina Mauro Pinzani.

Fra il pubblico anche il vice sindaco ed alcuni assessori della giunta comunale di Rufina, il comandante della locale stazione di Carabinieri ed il comandante della Tenenza della Guardia di Finanza di Pontassieve.

 

Al termine del convegno è stato offerto dalla Misericordia un piccolo e delizioso rinfresco fornito dal bar Leverò di Rufina.

La seconda giornata.

Esercitazioni ed attività per i più piccoli, prove tecniche di soccorso e consegna attestati ai nuovi fratelli

La seconda giornata per una persona come me che fa il soccorritore volontario dalla fine degli anni 90, è stata molto intensa.

Ritratte esercitazioni sanitarie non è mai semplice, il rischio è di ostacolare le manovre di soccorso, o non inquadrare correttamente la situazione.

La fotografia in questi casi è entrare nella scena stando distante, conoscendo già le operazioni che verranno effettuate.

Durante la giornata si sono svolte le esercitazioni di soccorso, con alcuni volontari in veste di cavie.

Le esercitazioni sono state ‘interforze’ ed ‘interassociative’.

La Misericordia di Rufina ha un rapporto speciale con la Misericordia di Alanno (Pescara), ed i fratelli delle due associazioni hanno operato assieme in alcune esercitazioni di soccorso.

Una sincronia ed un feeling che ha mostrato molto affiatamento e collaborazione per rendere il massimo supporto al paziente.

Sembravano soccorritori abituati a lavorare fra loro tutti i giorni, e non ragazzi e ragazze separati da tutti questi chilometri.

Nelle ore più calde le ragazze di Giochi d’Arte si sono prese cura dei più piccoli con attività di gioco e disegno.

Alcuni dei volontari e dei formatori della Misericordia di Rufina hanno tenuto un corso di primo soccorso per ‘baby soccorritori’.

I bambini accorsi per vedere i cani del Nucleo cinofili della Misericordia di Firenze, i Vigili del Fuoco e le esercitazioni sanitarie, hanno imparato a fare una chiamata al 118 e nozioni di BLS.

La chiamata al 118 è fondamentale quando ci si trova di fronte ad una situazione di emergenza sanitaria, ed insegnare ai più piccoli a mantenere la calma….

Spesso sono i nostri figli che insegnano la calma a noi genitori………

Le esercitazioni sanitarie hanno visto la presenta di un medico ed un’infermiera professionale della Federazione Misericordie.
Per questo scenario sono state svolte manovre di soccorso avanzato su Annie, il manichino che noi soccorritori usiamo per addestrarci con le manovre di rianimazione.

 

La giornata si è conclusa con la consegna degli attestati di livello base e le divise ai nuovi volontari.

Fa sempre piacere vedere persone giovani e persone ‘fresche’ pronte a mettersi a disposizione per aiutare i bisognosi, in un periodo in cui aiutare gli altri troppo spesso diventa un ‘surplus’.

La terza giornata.

Santa Messa e benedizione del nuovo mezzo e delle carrozzine, pranzo sociale e consegna attestati di servizio.

La terza giornata ha visto l’inizio dei festeggiamenti dalla sede della Misericordia con la Santa Messa in propositura, celebrata dal correttore della Misericordia, Don Massimo.

Al termine della funzione sono stati inagurati e benedetti il nuovo mezzo per i servizi sociali e due carrozine per disabili.

Il ringraziamento per questi nuovi supporti ai servizi va a varie aziende ed a volontari che hanno reso possibile questi acquisti.
Consuetudine è, dopo l’inaugurazione di nuovi mezzi, fare un giro per le vie del paese in segno di festa.

Dopo il giro, la festa è proseguita alla Villa Poggio Reale con il pranzo e la consegna ai volontari di attestati di servizio e croci al merito, con i ringraziamenti e la consegna di originali ricordi dell’evento alle autorità.

 

La Misericrodia di Alanno come segno di ringraziamento e stima ha donato un’opera d’arte fatta da uno scultore locale con il simbolo della Misericordia di Rufina.

Visione di tutte le foto

Quanto sopra è un breve racconto dei tre giorni di servizio fotografico per i festeggiamenti della Misericordia della Rufina.

Le foto sono oltre 400 per l’intero evento.

Per altre immagini e per vedere quelle che vi riguardano, potete contattarmi direttamente.

I miei recapiti li trovate in questa pagina.

About Enrico Guerri

Enrico Guerri, fotografo professionista. Seguo matrimoni, concerti, eventi e spettacoli di danza. Il mio obiettivo cattura i momenti più emozionanti per le persone che fotografo, attimi spontanei e autentici da fissare per sempre.


Pin It on Pinterest

Share This