Obiettivi fotografici: conoscerli da vicino (prima parte) - Enrico Guerri Fotografo
18308
post-template-default,single,single-post,postid-18308,single-format-standard,et_monarch,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive
obiettivi

27 Feb Obiettivi fotografici: conoscerli da vicino (prima parte)

Nelle scorse settimane ti ho parlato del cervello di una fotocamera digitale, il sensore.

Ti avevo promesso che avrei parlato degli obiettivi, ed eccomi qua a farlo.

In questo articolo troverai elementi utili per arrivare alla scelta di un nuovo obiettivo, ma anche per capire quello che già stai utilizzando.

Come sempre per arrivare alla pratica c’è bisogno di partire da alcune basi.

 

Prima di partire ti consiglio di iscriverti alla mia newsletter.

Uno dei motivi principali per cui ti invito a farlo è che in modo TOTALMENTE gratuito potrai approfondire alcuni aspetti della fotografia e ricevere consigli che ti aiutarenno nella pratica fotografica.

Inoltre sarai la prima persona a ricevere le offerte sui servizi fotografici e per te ci sarà una sorpresa rispetto a tutti gli altri.

Com’è fatto un obiettivo?

Il primo esempio di obiettivo era un minuscolo foro, chiamato “foro stenopeico“.

Permetteva il passaggio della luce che andava a creare un’immagine all’interno di una scatola chiamata “camera oscura“.

Attualmente invece gli obiettivi al loro interno sono formati da varie lenti riunite in vari gruppi.

Le lenti sono costruite in vetro e progettate per rendere praticamente nulle le aberrazioni ottiche ed altri disturbi.

Questo avviene grazie a specifici trattamenti sulle loro superfici e curvature appositamente studiate.

La progettazione di ogni lente è diversa in funzione del suo utilizzo (professionale o amatoriale), della sua dimensione e della sua escursione.

Obiettivi di elevata qualità e costo hanno al loro interno degli elementi mobili che si muovono in funzione della lunghezza focale.

Il movimento però è interno e non produce una variazione della lunghezza dell’obiettivo, come accade in quelli di qualità e costi inferiori.

All’interno degli obiettivi troviamo anche il diaframma.
Il diaframma è composto da sottili lamelle metalliche che permettono di l’ingresso di maggiore o minore luce nell’obiettivo.
La luce che transita attraverso l’obiettivo arriva al sensore (oppure alla pellicola, nel caso si usi una fotocamerea analogica).
diaframma obiettivi

Sensore ed obiettivi

Parlando del sensore ti ho spiegato il formato APS-C e Full Frame e mostrato i risultati in teoria ed pratica.

Nelle due immagini qua sotto puoi vedere come l’area inquadrata di un obiettivo APS-C, anche se inserito in una macchina Full Frame, sia notevolmente più ridotta.

Pertanto senza cambiare la tua posizione di scatto ed usando la stessa lunghezza focale otterrai due immagini completamente diverse.

Cos’è la lunghezza focale?

E’ la distanza fra il sensore ed il centro dell’ottica, si indica in millimetri e per consuetudine è riferita al formato dei sensori Full Frame (e della pellicola).

Tradotto in un concetto pratico la lunghezza focale indica quanto è possibile avvicinare o allontanare la scena inquadrata.

Esempio pratico

La dimensione di un obiettivo classico che trovi nei kit delle macchine fotografiche è 18-55mm: ovvero fra il centro dell’obiettivo ed il sensore la distanza varia fra 18 e 55mm.

Attenzione a non confondere questa lunghezza con la dimensione fisica: alcune ottiche grandangolari hanno le stesse dimensioni di teleobiettivi.

 

La lunghezza focale influenza anche l’angolo di campo, ovvero la porzione di scena inquadrata e visibile.

lunghezza focale angolo di campo

Nella grafica sopra puoi vedere come cambia l’angolo di campo rispetto alla lunghezza focale.

Sul sito di Nikon invece puoi sperimentare in pratica quanto ti ho spiegato.

Cambiando il formato della fotocamera e quello delle lenti, verificherai come cambi la scena inquadrata sia come angolo di campo che come porzione di scena ripresa.

Una piccola precisazione:

Nikon chiama FX il formato Full Frame, DX il formato APS-C, CX il formato delle sue mirrorless serie J (ma quest’ultimo al momento non è di nostro interesse).

Termina qua la prima parte sugli obiettivi.

Siamo giunti alla fine della prima parte degli obbiettivi fotografici.

Ti ho illustrato come è fatto un obiettivo al suo interno ed abbiamo ricollegato gli obiettivi con il sensore.

Poi abbiamo proseguito spiegando la lunghezza focale e l’angolo di campo, per arrivare a mostrarti sia teoria che pratica dell’angolo di campo.

 

Da là partiamo verso una scoperta sempre più pratica e meno legata a come sono composti internamente.

Durante la seconda parte di questa guida agli obbiettivi fotografici, ti parlerò dei vari tipi di obiettivi e della classificazione.

 

Intanto ti metto un paio di immagini che ogni appassionato di fotografia apprezza: un parco ottiche intero.

Se ti chiedi a cosa servono così tanti obiettivi, non ti resta che seguire la prossima lezione.

ottiche canon
obiettivi Nikon
Iscriviti alla mia newsletter.

About Enrico Guerri

Enrico Guerri, fotografo professionista. Seguo matrimoni, concerti, eventi e spettacoli di danza. Il mio obiettivo cattura i momenti più emozionanti per le persone che fotografo, attimi spontanei e autentici da fissare per sempre.


Pin It on Pinterest

Share This